• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

Workshop Ludwig van Beethoven

  pubblicata il 21/10/2015

Workshop dal 21 al 23 ottobre 2015 h 10-13 – l’Asilo

Evento sabato 24 ottobre 2015 h 19 – l’Asilo

 

apertura del quarto ciclo di DISSEMINAZIONI LUDWIG VAN

Play with Beethoven

Un progetto di Dissonanzen e dell’Asilo in collaborazione con Esperimento 20 e con il patrocinio morale del Goethe Institut Neapel

Happening/perfomance multimediale su musiche di Beethoven, Kagel, Mihovilcevic.

preceduta dal

 Workshop per 12 musicisti condotto da Claudio Lugo

 

L’EVENTO

Ensemble Dissonanzen

Enzo Salomone, attore


Tommaso Rossi, flauto


Marco Sannini, tromba


Ciro Longobardi, pianoforte


Francesco D’Errico, elettronica e elaborazione dei suoni registrati,

Francesco Di Costanzo, violino

Andrea De Martino, viola

 

e con la partecipazione di

Dario Candela, pianoforte - 
Manuela Albano, violoncello 
- Luca Iovine, clarinetto

i bambini di Esperimento 20 guidati da Alessandra Petitti

12 musicisti che parteciperanno al workshop su Ludwig Van di Mauricio Kagel tenuto da Claudio Lugo

installazioni sonore: NISE – noncollettivo infrasuoni sabotatori elettroacustici

 

L’Associazione Dissonanzen, in collaborazione con Esperimento 20 e con l’Asilo Filangieri, con il patrocinio morale del Goethe Institut Neapel, propone il 24 ottobre dalle ore 18.30 un happening/performance dedicato alla figura di Ludwig Van Beethoven, dal titolo Ludwig Van: Play with Beethoven.

Una serata in cui l’Asilo Filangieri sarà teatro di proiezioni video, installazioni sonore, esecuzioni musicali, letture di testi, e performance teatrali tutte pensate per raccontare la figura di Beethoven, e, considerando il peso carismatico e insieme rivoluzionario che questo musicista assume nella storia della musica, per riflettere sulla musica tout court, intesa come strumento di comunicazione, di formazione, di gioco, di riflessione.

A firmare il coordinamento artistico della serata il flautista Tommaso Rossi, presidente di Dissonanzen e la danzatrice e coreografa Alessandra Petitti, curerà una performance teatrale affidata ai bambini di Esperimento 20. Protagonisti i musicisti dell’Ensemble Dissonanzen 
(Tommaso Rossi, flauto
, Marco Sannini, tromba, Ciro Longobardi, pianoforte, Francesco D’Errico, elettronica e elaborazione dei suoni registrati, Francesco Di Costanzo, violino, Andrea De Martino, viola) a cui si aggiungono  per l’occasione anche Dario Candela, pianoforte - 
Manuela Albano, violoncello - 
Luca Iovine, clarinetto e 12 musicisti che parteciperanno al workshop sulla partitura “Ludwig Van” di Mauricio Kagel tenuto da Claudio Lugo dal 21 al 23 ottobre e i musicisti del NISE – noncollettivo infrasuoni sabotatori elettroacustici.

Durante la serata, oltre alla proiezione di Ludwig Van, il film realizzato dal compositore Mauricio Kagel nel 1970, verranno eseguiti il Trio op. 11 per clarinetto, violoncello e pianoforte e la Serenata op. 25 per flauto, violino e viola di Beethoven, Con voce e General Bass di Mauricio Kagel,  lo Studio n. 4 per 4 strumenti di Luis Mihovicelvic, compositore argentino allievo di Kagel . A conclusione della serata verrà eseguito Ludwig Van, composizione “grafica” di Kagel, ispirata alla musica di Beethoven, che sarà oggetto nelle tre giornate precedenti di un workshop gratuito, tenuto da Claudio Lugo e riservato a 12 musicisti.

 

IL WORKSHOP

“Ludwig van” è una partitura assai atipica del compositore argentino, vissuto a Colonia, Mauricio Kagel. Edita nel 1969 nasce da una performance per la quale a un gruppo di musicisti venne chiesto di aggirarsi, come in una visita fittizia, per le stanze (ricostruite) dello studio di Beethoven a Bonn ‘tappezzato’, mobili compresi, con ritagli ricavati da spartiti del repertorio cameristico beethoveniano. Kagel indicò ai musicisti di suonare i frammenti di pentagramma che il loro sguardo coglieva di volta in volta, soffermandosi o passando oltre, comunque usandoli per elaborare improvvisazioni seguendo l’intuizione estemporanea e l’ascolto delle scelte degli altri solisti.
Per pubblicare in forma di partitura e rendere fruibile il lavoro anche in spazi concertistici convenzionali, Kagel pensò di realizzare un album fotografico nel quale sono riprodotti dettagli degli elementi dello studio ricoperti dai ritagli musicali, suggerendo ai musicisti di aggirarsi con lo sguardo all’interno delle foto e di mimare, quindi, quel libero attraversamento dello spazio fisico che aveva caratterizzato la performance originaria. La partitura di “Ludwig van”, quindi, richiede da parte dei musicisti un discreto rapporto con la lettura musicale (anche se, nella libertà di scelta, il singolo può orientarsi verso elementi anche molto semplici), ma anche e soprattutto un buon rapporto con la pratica dell’improvvisazione collettiva, dato che il materiale musicale originato dalla lettura estemporanea va poi sviluppato in forme libere ma coerenti. Durante il workshop preparatorio all’esecuzione di “Ludwig van” si useranno alcune pagine/foto della partitura di Kagel come materiale di base per sviluppare una serie esercizi orientati all’improvvisazione con lo scopo di affrontare e tentare di risolvere i problemi posti dalla creazione musicale estemporanea in seno a un collettivo. Il workshop è aperto a tutti gli strumenti musicali (compresa la voce) e ai partecipanti è richiesta una sufficiente capacità di lettura e una buona disponibilità alle pratiche dell’improvvisazione collettiva.

Per partecipare al workshop, gratuito, di Claudio Lugo inviare un’email con oggetto “kagel” a infrasuoni@exasilofilangieri.it indicando nome, cognome, strumento, recapito telefonico e email.

Calendario

Novembre 2017               <<   <    >  >>  
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930